I bambini e la guerra

Adesso l’inviata di un grande giornale italiano scopre che a Bengasi i bambini hanno la guerra in testa. Ogni disegno, ogni scritto, ogni parola riportano alle bombe e ai fucili, alla paura, al dolore. I bambini di Bengasi però cantano a memoria gli inni rivoluzionari, fanno il segno di vittoria con la manina, pregano Allah perchè Gheddafi se ne vada. Sanno pure che i francesi sono bravi e gli italiani sono amici. Se dovessimo andare in una scuola di Tripoli sarebbe la stessa storia, cambierebbero solo i nomi dei nemici e le canzoni patriottiche, ma il dolore e la paura sarebbero assolutamente identici. Ricordo a Vukovar, in Croazia, la città divisa a metà. Raccolsi un quaderno di bambini croati e poi uno di bambini serbi: erano uguali, in entrambi c’erano i fiori dipinti di rosso, come il sangue. Il mondo va ad aiutare i bambini del Sudan del sud, come se fossero diversi da quelli del nord.  Le differenze stanno solo negli adulti.

Otto raid aerei notturni nell’arco di tre ore hanno avuto come bersaglio Tripoli. Missili Nato hanno colpito il bunker di Gheddafi. Secondo funzionari libici, almeno quattro bambini sarebbero rimasti feriti, di cui due in modo grave. Tra gli obiettivi colpiti ci sarebbero il bunker di Gheddafi, la sede di un’agenzia di spionaggio e un edificio coloniale già bombardato il 30 aprile scorso sede dell’alta commissione per l’infanzia, stando a quanto riferito da una fonte ufficiale libica. Nella tarda serata di lunedì altri testimoni avevano riferito di due esplosioni contro la televisione di Stato e l’agenzia ufficiale Jana. È stato mostrato ai giornalisti stranieri un ospedale dove alcune finestre sono finite in frantumi a causa dell’onda d’urto di un attacco contro su una vicina torre per le comunicazioni.

Annunci
  1. #1 di irisilvi il maggio 11, 2011 - 7:56 pm

    Pino farai un post sulla scomparsa o rinuncia di Gheddafi?Voci lo danno per morto ,mentre altre ancora pensano ,dopo la morte del figlio,sia nascosto/fuggito nel deserto.

  2. #2 di pinoscaccia il maggio 11, 2011 - 8:57 pm

    Non lo so. Ancora è tutto molto confuso, come tutta la storia della rivolta in Libia.

  3. #3 di pinoscaccia il maggio 11, 2011 - 10:51 pm

    Infatti… Intanto Gheddafi non è morto, è ricomparso in televisione.

  4. #4 di irisilvi il maggio 12, 2011 - 10:11 am

    Mi pare di aver capito che ci siano dubbi sulla veridicita’ della ricomparsa.Viviamo InQuestoMondoDiFake.

  5. #6 di irisilvi il maggio 12, 2011 - 12:46 pm

    Ora capisco perchè gli italiani ci si trovino tanto bene….

  6. #7 di pinoscaccia il maggio 12, 2011 - 12:49 pm

    I francesi ci si trovano anche meglio

  7. #8 di irisilvi il maggio 12, 2011 - 3:33 pm

    Indubbiamente….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: