Il dolore della guerra

Non amo le guerre, forse perchè ne ho viste molte e da vicino. E so, sulla mia pelle, quanti lutti e quante rovine portano. Non sono insomma fra quelli che adesso gioiscono perchè in Libia sono arrivati i nostri. Intanto non date retta: le bombe non hanno cervello e mai dunque potranno essere intelligenti. Le bombe portano morte e non stanno certo a guardare il colore delle bandiere. Capisco che l’intervento era necessario, ma personalmente mi porta solo tristezza. Da anni ripeto che non ci sono guerre buone e guerre cattive, sono tutte sporche. Con motivazioni mai umanitarie. Del resto, sono sempre i vincitori a stabilire chi sono – appunto – i buoni e i cattivi. Questo è il momento della battaglia ed è difficile buttar giù analisi, ma con calma – dopo – si potrà anche tentare di capire perchè siamo arrivati a questo punto. In ogni caso, al di là di torti o ragioni, non sono sicuramente come il pilota che ha bombardato Hiroshima che alla sera è andato a brindare, “pazzo di felicità”. Ragazzi, questo non è un film: sono morti veri.


 

Annunci
  1. #1 di irisilvi il marzo 20, 2011 - 9:18 am

    Nessuno poteva fermarlo? Prima di arrivare all’ennesima guerra?Forse domande puerili me ne scuso in anticipio.

  2. #2 di pinoscaccia il marzo 20, 2011 - 9:56 am

    E come? Questo purtroppo era l’unico sistema, purtroppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: